Home » Telefonia » Wind3 Iliad dopo la nascita Vodafone Fastweb

Wind3 Iliad dopo la nascita Vodafone Fastweb

Cosa cambia per WindTre e Iliad dopo la nascita di Fastweb Vodafone? È un tema molto interessante sul quale si possono fare varie ipotesi perché il fallito tentativo di Iliad di acquisire Vodafone e la nascita di un nuovo mega gestore Vodafone Fastweb sicuramente cambia gli equilibri. I due gestori WindTre e Iliad infatti sono rimasti esclusi dal mega affare e restano probabilmente i soli a poter creare sinergie.

Prima di entrare nel vivo vi ricordo che c’è anche l’altro mio blog gianca.net dove parlo anche di tante altre cose. E il mio blog ha anche un canale Telegram che trovate qui. Se vi iscrivete entro oggi, grazie alla funzione Telegram giveaway, potete vincere tre mesi gratis di Telegram Premium. Quindi unitevi al canale qui e nelle prossime ore verrà pubblicato il vincitore dei tre mesi di abbonamento Telegram Premium.

Tim in stallo

Tim, per ragioni finanziarie e politiche, sembra fuori dai giochi in una posizione di assoluto stallo principalmente per la questione dello scorporo rete. WindTre, invece, da questo accordo perde in maniera diretta anche se non ancora ufficiale un partner importantissimo. È praticamente sicuro che alla fine dei giochi il gestore arancione perderà un mega cliente, ovvero Fastweb, che attualmente utilizza per il mobile la sua rete e che ha una serie di accordi con WindTre per la condivisione delle risorse e degli investimenti sul 5G. Un fidanzamento, quello con WindTre, del quale Fastweb non ha più bisogno, avendo comprato l’intera rete mobile di Vodafone, e a quanto pare gli svizzeri non vedono l’ora di avere tutti gli ok per traslocare finalmente sul network comprato a caro prezzo. Dall’altra parte, Iliad ha intenzione di crescere e di conquistare nuove fette di mercato. Il progetto che hanno già in comune WindTre e Iliad è Zefiro Net, che è un percorso comune che ha dato i propri frutti e che sembra funzionare.

La vendita della rete WindTre

Sul fronte WindTre va ricordate che l’operatore ha provato a vendere la propria rete. Il tentativo è poi sfumato perché si dice che i soci alla fine hanno avuto qualche divergenza, ma soprattutto l’acquirente aveva capito che il mercato italiano stava per cambiare profondamente a seguito dell’operazione Vodafone Fastweb. Insomma, quando le carte in tavola cambiano repentinamente è anche difficile fare valutazioni, anche se queste riguardano soggetti non direttamente coinvolti.

WindTre ha una rete sua molto forte e molto estesa e che tutto sommato sarebbe quindi intenzionata a vendere, ovviamente non per uscire dal mercato italiano, ma per esternalizzare questa risorsa e ovviamente incassare denaro fresco. Iliad invece ha soldi da investire ed è da sempre praticamente di casa all’interno del network WindTre del quale è da sempre ospite e che ha già parzialmente acquisito con l’operazione Zefiro Net. Ecco che quindi la sinergia che appare più probabile da qui al prossimo futuro è un ulteriore avvicinamento di WindTre e Iliad.

Ovviamente escludendo qualsiasi ipotesi di fusione o di acquisizione, che non sono in questa fase assolutamente possibili, ma magari in un accordo di ancora maggiore collaborazione lato investimenti sul network.

Oppure, ipotesi ancora più estrema ma non del tutto peregrina, quella di una vendita della rete WindTre per intero alla stessa Iliad. Una situazione assurda che rovescerebbe gli equilibri, per cui sarebbe Iliad a diventare fornitore di accesso alla rete a una WindTre più ridimensionata.

Del resto, se l’ipotesi vi sembra oggi anche troppo fantasiosa, c’è da considerare che il progetto marketing di WindTre oggi è profondamente mutato, è cambiato ed è assolutamente unico; il gestore si sta riposizionando non più come una sola telco ma come un aggregatore di servizi alle famiglie e alle imprese, dall’energia alle assicurazioni, passando certamente anche per la fibra e la telefonia mobile, ma non solo. Ed è in questo contesto che WindTre potrebbe essere meno interessata a controllare verticalmente tutta la parte telco ma potrebbe accontentarsi di una struttura più light e maggiormente flessibile per cogliere opportunità, ed entrare ed uscire dai mercati singoli quando questi diventano più o meno remunerativi.

Ma come sempre, se volete restare aggiornati su quello che succederà, restate sintonizzati qui su giancatech.it, il mio nuovo blog che eredita tutta l’esperienza e la storia di UpGo.news. Potete iscrivervi al canale principale di giancatech.it su Telegram con tutte le mie recensioni e i miei contenuti su telefonia mobile, fibra e connettività.

Biscotti Oreo pieni di insetti 🐛🐛 Il video virale

Sono Fabrizio Giancaterini. Oltre al mio sito personale gianca.net curo ogni giorno questo blog, giancatech.it, nato per condividere le mie esperienze su telefonia mobile, internet veloce e connettività. Segui giancatech su Telegram qui.

Lascia un commento

Christmas Card Omnitel – Vodafone. Scende una lacrimuccia

E dopo avervi raccontato qui la storia di Omnitel, miei cari nerd, pronti ad un ulteriore salto nel passato con ...

Omnitel la storia. Vi raccontiamo la grande storia di Omnitel

In un momento importante come questo, nel quale dobbiamo prepararci all’addio al brand Vodafone, come non ricordare l’antesignano di Vodafone ...

Vodafone Italia quando sparirà?

Quando diremo veramente addio al marchio Vodafone in Italia? Di questo si è scritto parecchio e spesso, secondo me, si ...

È il momento di un giancaCaffè su Telegram. Che ne dite?

Andiamo subito al dunque: su suggerimento di qualcuno di voi, ho deciso di dare vita a un gruppo Telegram nel ...

Iliad in Europa. Bandierina messa su Svezia e Baltici

Iliad è sempre più orientata a diventare un gestore paneuropeo. L’espansione ormai è un progetto solido e la compagnia non ...

Attivare il Volte con Iliad. Bisogna usare questo modo?

C’è un comando specifico per attivare il Volte Iliad? In molti casi, no. In qualche caso, sì. Esiste infatti una ...